Perché ho deciso di rifare il mio sito

testo

Un sito internet, per essere veramente efficace, deve crescere ed evolvere insieme alla nostra professione.

Quando ho iniziato il mio lavoro di Assistente Virtuale, il sito lo avevo realizzato da sola in modo molto basic: era praticamente una trasposizione online della mia brochure cartacea. Poi, non appena me lo sono potuta permettere, l’ho fatto rifare da una professionista, perché sentivo già allora di avere bisogno di qualcosa che calzasse a pennello con la mia attività in quel momento.

Il percorso di un’attività in proprio non procede mai in modo lineare, con il passare degli anni si raggiungono nuove consapevolezze, si fanno nuove esperienze e ci si può trovare a un certo punto a rivedere i propri servizi, a eliminarne alcuni e aggiungerne altri.

È quello che mi è successo l’anno scorso, quando sono arrivata alla conclusione che la mia vetrina, il vestito che indosso online, non fosse più adeguato e quindi da lì la decisione di rinnovarlo.

Per attuare al meglio questo cambiamento ho deciso di investire, non solo economicamente, ma anche su me stessa, su una riflessione che mi permettesse di arrivare al risultato sperato, tenendo conto di tutto il percorso fatto fino a quel momento nella mia professione e di tutto quello che spero di poter ancora fare.

Sono partita così ragionando insieme a Stefania Bonino, una professionista che si occupa di comunicazione digitale, sul mio branding, il mio posizionamento, sui servizi da offrire e, di conseguenza, su come strutturare una strategia per comunicare tutto questo.

Mi sono rivolta quindi a Federica Campanaro di Fii Design per l’aspetto grafico e tecnico e a Tatiana Schirinzi, alias La scribacchina per la SEO.

Ho deciso di investire anche nella SEO perché quando ho iniziato questo lavoro anni fa ero una delle pochissime assistenti virtuali in Italia e la concorrenza era poca. Adesso invece le colleghe sono tante, come giusto che sia, ed è ancora più importante riuscire a farsi trovare.

Infine, per i testi del sito mi sono rivolta a una webwriter, Sibilla Garulli, che li ha elaborati a partire dal materiale preparato da me.

Tutte insieme queste professioniste mi hanno aiutato a raccontarmi online e a impostare tecnicamente tutto quello che serve affinché il mio sito sia efficace. Perché è vero che il posizionamento ci aiuta a farci trovare su Google, ma poi una volta arrivato sul nostro sito il potenziale cliente deve trovare testi che lo incuriosiscono e gli facciano capire che il servizio che stava cercando è proprio quello che ha davanti.

Il sito è un investimento secondo me necessario per ogni professionista che decide di fare sul serio e far crescere la propria attività. E io sentivo che era il momento giusto per farlo!

Poi, come sempre, possiamo controllare solo quello che è in nostro potere. Così è capitato che il sito, dopo mesi di lavoro dietro le quinte, fosse pronto proprio in questo momento critico legato al dilagare del Coronavirus.

Ho riflettuto a lungo se avesse senso lanciarlo o meno e sono arrivata alla conclusione che, nonostante a livello pratico sia tutto fermo, non credo abbia senso fermarsi del tutto. Ad esempio, nel mio caso penso che sia sensato continuare a proporre contenuti utili per quelli che mi seguono sul blog, anche solo per poter offrire degli spunti di formazione o riflessione.

Stiamo risentendo di questa situazione di stallo su tutti i fronti, ma come professionista credo sia meglio continuare a organizzare e progettare il mio lavoro e attrezzarsi per quando si potrà tornare alla normalità. Così continuo a dedicarmi alla mia formazione e alla creazione di nuovi strumenti e servizi da proporre in futuro, nella speranza di poter ripartire al più presto, cercando di rimanere sempre costruttiva…  L’atteggiamento con cui affrontiamo ostacoli e imprevisti, quello sì lo possiamo decidere noi per fortuna!

Antonella
Antonella
Ciao, sono Antonella Cafaro e mi occupo di assistenza virtuale. Aiuto professionisti e imprenditori a risparmiare tempo, crescere e raggiungere i loro obiettivi godendosi la loro attività mentre io mi occupo del resto e supporto le donne che vogliono diventare assistente virtuale con un percorso di orientamento e mentoring.
Non ci sono commenti

Scrivi il tuo commento